Degustazione del vino, regole da seguire

“ Sai come si degusta un vino? Conosci i passi da fare per capire i segreti di un vino? Ognuno è diverso e ci racconta qualcosa. Io ti dirò i segreti della degustazione, poi spetta a te metterli in pratica! ”

 

Se è vero che OGNI VINO È DIFFERENTE, significa che ha qualcosa da raccontare rispetto agli altri già bevuti. Non dare mai nulla per scontato di fronte al vino, perché avrai sempre delle belle sorprese!

Ti parlerò dei primi passi da seguire per fare una degustazione. Seguendo questi pochi passaggi, sarai in grado di DEGUSTARE UN VINO!

PRIMA DI DEGUSTARE

Prima però dovrai prepararti alla degustazione. In che modo? Seguendo questi semplici consigli!

SII CURIOSO: se NON HAI VOGLIA DI CAPIRE il vino, hai già sbagliato in partenza.

RIMANI CONCENTRATO: non avvicinarti al vino se non ne hai voglia. A certi produttori ci sono voluti anni per produrre quel vino, perché lo tratti così?

LASCIA A CASA I TUOI GUSTI: sei libero di bere sempre i soliti vini e non capirli, fatti tuoi. Ma se vuoi IMPARARE A DEGUSTARE devi accettare di CAPIRE anche vini che non ti stanno simpatici. Altrimenti bevi anzi un bel bicchiere d’acqua!

SEI PRONTO PER QUALCHE CONSIGLIO?

Segui i miei consigli e ti troverai nella migliore condizione possibile per degustare. Potranno sembrare scontati, ma non è cosi. Vuoi sapere quali sono?

SCEGLI DI MANGIARE LEGGERO : la cattiva digestione non è amica della degustazione.

NO AL PROFUMO, SI AL DEODORANTE: devi sentire il PROFUMO DEL VINO, mica il tuo! Ma nemmeno devi puzzare, quindi regolati!

LASCIA A CASA LE SIGARETTE: oltre a far male, il fumo ALTERA la percezione di sapori e profumi.

EVITA SE HAI IL RAFFREDDORE: altrimenti CHE PROFUMI E SAPORI PUOI SENTIRE?

I TRE PILASTRI DELLA DEGUSTAZIONE

La degustazione del vino si divide in tre parti, seguendo una logica di passaggi che ti porterà a capire il vino nella sua vera anima. Per farla al meglio devi mettere in gioco i tuoi sensi che ti aiuteranno durante la degustazione. Vuoi partire?

degustazione visiva del vino

1. ESAME VISIVO

È la PRIMA COSA che si nota in un vino. Dire che il vino è rosso, NON BASTA! Vediamo quindi cosa è IMPORTANTE VALUTARE!

Versa il vino fino a un terzo del bicchiere, prendilo dal gambo del calice e portalo di fronte agli occhi. Inizia la degustazione visiva!

LIMPIDEZZA. Porta il bicchiere IN DIREZIONE DELLA LUCE e nota se il vino è LIMPIDO oppure se ha residui in sospensione. Qualche residuo è normale, in caso di vino invecchiato, oppure è un difetto se il vino è giovane.

COLORE. Definisci la GRADAZIONE DI COLORE DEL VINO. Rosso rubino o rosso granato? Oppure in un vino bianco, è giallo paglierino o giallo dorato?

CONSISTENZA. Se il vino è fermo, ruotalo e guarda COME AVVOLGE il bicchiere. Sule pareti si formeranno linee curve, gli archetti, che scenderanno verso il basso, creando lacrime. Questi due dati ci parlano della viscosità del vino e della sua alcolicità.

EFFERVESCENZA. Se invece degusti uno spumante, guarda QUANTE bollicine salgono verso l’alto nel bicchiere, se sono FINI e se CONTINUANO a salire per molto tempo. Se le bollicine sono numerose, fini e persistenti allora sei di fronte a un prodotto di qualità!

degustazione olfattiva del vino

2. ESAME OLFATTIVO

Prima hai guardato il vino, adesso senti i suoi profumi. Serve allenamento, lo so, perché all’inizio percepire i profumi non è facile!

Sai come aiutarti? Annusa la FRUTTA, le ERBE e le SPEZIE. Molti di questi profumi li trovi nel vino e ti servirà per scovarli meglio.

INTENSITÀ. I profumi salgono più o meno percepibili. Capisci se sono PROFUMI DEBOLI, oppure PROFUMI INTENSI.

COMPLESSITÀ. Dopo cerca QUANTI PROFUMI trovi nel vino. Fruttato, floreale, speziato, ecc. Non tutti i vini hanno molti profumi, dipende da qualità e invecchiamento.

FINEZZA. Ammettiamo che non hai capito che profumi ci siano, ma senti odori strani o piacevoli? Se tutto è nella norma, giudica la finezza d’insieme dei profumi.

3. ESAME GUSTO-OLFATTIVO/1

Eccoci, finalmente si assaggia e si completa la degustazione. Questa fase deve essere conforme alle prime due, altrimenti c’è qualcosa di non proprio positivo.

La degustazione segue un filo logico e questa parte è la più importante. Necessita di maggiore esperienza. Ma basta fare un passo alla volta, no?

ZUCCHERO. Non tutti i vini sono secchi, perché esistono anche vini dolci. Questo è il primo spartiacque del gusto. Il vino è secco, dolce o una via di mezzo?

CALORE. Un aspetto da considerare è il tenore alcolico. Non è vero che un buon vino deve essere alcolico. L’alcol cambia la sua percezione in base anche all’evoluzione e all’invecchiamento.

MORBIDEZZA. Il vino è spigoloso in bocca oppure avvolge in modo vellutato? I vini bianchi e le bollicine devono essere spigolosi, mentre i vini rossi col tempo tendono a essere morbidi.

ACIDITÀ. Il vino ha un PH acido, ma a te interessa se l’acidità dà freschezza e procura salivazione. La senti questa salivazione? In un bianco è fondamentale, mentre nel rosso la trovi meno e dipende dalla tipologia.

TANNINI. Attento! Si valuta solo per i vini rossi. I vini bianchi non hanno tannino. Il tuo vino rosso dà forte sensazione di astringenza o no? Senti le gengive asciutte e con ricordo amarognolo oppure non è così evidente?

degustazione del vino

MINERALI. Nei terreni si trovano minerali e nel vino spesso procurano una sensazione salina. Il vino che stai bevendo è sapido? Oppure sembra completamente sciapito? La sapidità finale è piacevole , ma soprattuto nei vini bianchi diventa una caratteristica fondamentale.

3. ESAME GUSTO-OLFATTIVO/2

STRUTTURA. È la sintesi delle precedenti, racconta il “corpo del vino” e quanto è strutturato rispetto alla tipologia. Il vino in bocca è leggero oppure pastoso? Alcuni vini rossi di lungo invecchiamento possono sembrare quasi masticabili!

EQUILIBRIO. L’equilibrio gustativo è un pregio nel vino. Se ha troppo alcol e poco del resto non sarà equilibrato, così come se ha molti tannini ma pochissima morbidezza. Certi vini diventano equilibrati dopo anni di affinamento. Ma l’equilibrio si valuta nel momento della degustazione.

INTENSITÀ. Le sensazioni espresse sono intense? E quanto? Più sale l’intensità e più il vino è di pregio.

PERSISTENZA. È bello quando il sapore del vino rimane fissato nel palato per molti secondi. Questa è la persistenza. Più tempo rimane, più il vino è persistente!

QUALITÀ. L’hai già percepita con l’olfatto. Il vino ha difetti oppure è di qualità? Se tutto ti sembra ok, il vino ha una giusta qualità.

EVOLUZIONE. Devi capire la fase in cui si trova il vino. Ha ancora un futuro davanti oppure si sta già avviando al tramonto? All’inizio non è facile capirlo, serve allenamento.

ARMONIA. Racchiude un pò tutte le altre caratteristiche. Se tutto il percorso segue una strada logica, allora il vino sarà armonico. Altrimenti sarà dura impressionarsi per la sua eleganza e raffinatezza.

ORA TOCCA A VOI DIVERTIRVI

Questi sono solo i concetti base, la degustazione vera è molto di più. Intanto impara e segui questi consigli mentre bevi un bel bicchiere di vino.

L’allenamento e la memoria aiutano a capire meglio il vino e a diventare sempre più abili nella degustazione. Scriverò alcune mie degustazioni prossimamente. Leggile! Potranno esserti utile per degustare ancora meglio.

di MORRIS LAZZONI

VinoperPassione per Edonix,il piacere per tutti.

Il vino è semplice da capire, basta avere passione

www.vinoperpassione.com

Se ti è piaciuto CONDIVIDI sui tuoi social preferiti

Morris Lazzonihttp://vinoperpassione.com
Sommelier A.I.S., Blogger per passione e Wine Brand Ambassador
Web Hosting

da non perdere assolutamente

Balente, hair of Sardinia

Il Balente nella tradizione sarda è un uomo particolarmente saggio, una persona capace e rispettata in tutto...

Il Barba Bazzo, Diego Bazoli

Tra le barbe più in vista del web e dei Social Network, abbiamo avuto l'onore di fare qualche domanda a Diego Bazoli, grande persona...

Prodotti italiani, Mr Echo by Derma Virdis

I prodotti Mr Echo incuriosiscono quando ci si imbatte nei loro profili social o nel sito, vengono presentati molto bene, cura dei dettagli e...

Tra i barbieri più seguiti in Italia, il maestro Marco Artesi

Chiunque sia appassionato di barba e barberia in generale prima o poi, che stia cercando sul web o che stia cercando tramite social network,...

crea il tuo sito con siteground

Web Hosting
Premium WordPress Themes Download
Download Nulled WordPress Themes
Download Nulled WordPress Themes
Premium WordPress Themes Download
udemy course download free
download huawei firmware
Free Download WordPress Themes
ZG93bmxvYWQgbHluZGEgY291cnNlIGZyZWU=