Fare della barba la propria occupazione principale, intervista a Patrizio Vagelli

Una barba di una certa dimensione, arrivata ormai oltre i 50 centimetri, barba che ha bisogno di cura e che occupa a pieno la vita della persona che intervisteremo oggi, si tratta di Patrizio Vagelli, personaggio in vista su tutti i social con la sua barba e che ormai fa della barba la sua principale occupazione, partecipando a convention e vere e proprie gare.

  • Ciao Patrizio, innanzitutto partirei da una presentazione, chi sei e cosa fai nella vita?

Ciao a tutti, mi chiamo Patrizio Vagelli vengo da un paesino in provincia di Modena (San Prospero s/s) sono nato e cresciuto qua, un anno fa invece mi sono trasferito a Milano, dove vivo tutt’ora, trasferimento fatto per amore. Qua a Milano non lavoro, la mia unica occupazione è dedicarmi interamente al mondo dei social, ho infatti aperto un canale YouTube “Patrizio Vagelli” dove carico video nei quali spiego come affrontare la vita avendo la barba in base alle mie esperienze. Seguo poi pagina Instagram (pakito_1547), profilo Facebook ed in oltre ho anche un sito personale

  • Quando e come nasce la tua passione per la barba e quando poi sono sopraggiunte le gare?

La mia passione è nata circa quattro anni fa, quando c’è stato il boom della moda della barba, che poi mi ha coinvolto tanto  da diventare la mia più grande passione. Nasce da un modello in particolare, da cui ho preso ispirazione Ricky Hall ma poi ho seguito la mia direzione e il mio stile grazie anche al mio barbiere di fiducia che ha seguito l’evoluzione della mia barba forgiandola sempre al meglio. Tramite i social invece sono venuto a conoscenza poi di un vero e proprio mondo di barbuti, li ho iniziati a conoscere e poi frequentare con i quali poi ho iniziato a frequentare il mondo delle gare. La prima è stato un campionato francese dove mi sono posizionato al quinto posto, era Aprile 2017. Ho avuto lo stimolo per far crescere ulteriormente la barba sino alla gara di Tel Aviv nel Giugno 2018, qua si concorreva per il campionato europeo, ho infatti conquistato il titolo di campione europeo di barba e baffi per la categoria barbe naturali. Ho poi partecipato a Blackpool alla ‘The British beard and moustache championship’ anche qua mi sono piazzato al primo posto per le barbe naturali oltre i trenta centimetri. Attualmente poi partecipo costantemente a molti festival in tutta Italia che hanno a tema la barba. 

  • Come vedi il mondo della barba in Italia? Pensi sia al massimo dell’espansione o possa ancora crescere ulteriormente?

Prendendo come esempio la mia esperienza, girando per Milano le persone rimangono ancora sorprese a vedere un uomo come me con più di cinquanta centimetri di barba, vengo delle volte anche guardato male o magari deriso. Allo stesso tempo però c’è un gran numero di persone che mi ferma magari mi chiedono dei consigli, fanno dei complimenti e qualcuno chiede magari delle foto. In Italia il fenomeno della barba non è ancora avanzato come in altri  posti che magari ho frequentato per piacere o per le gare, fuori dal nostro paese infatti c’è una cultura differente e si apprezza anche maggiormente la diversità e di conseguenza anche la barba. Frequentando un’agenzia che lavora nel mondo delle pubblicità mi sono sentito dire che un uomo con la mia barba in Italia non potrebbe fare nessun tipo di carriera a livello di spot televisivi proprio perchè le persone non sono abituate ad avere un canone di persone del genere.

  • Quale è il tuo rapporto con il barbiere? Lo frequenti spesso o propendi più per il ‘fai da te’? Ti sono mai capitate brutte esperienze di taglio dal barbiere?

Frequento lo stesso barbiere da ormai due anni, secondo me ci vuole una grande fiducia nel trovare la persona che sappia gestire la barba, è una cosa molto soggettiva, quando poi si arriva a certe dimensioni il barbiere deve anche essere esperto e non avere paura a gestire questo tipo di barbe. In passato, quando era più corta, frequentavo diversi barber shop per trovare quello più adatto a me, molti poi si sono auto esclusi non volendo gestire barbe così lunghe. Attualmente la affido al tricoesteta Francesco Crignotta che mi segue qua a Milano.

 

  • Ogni giorno dedichi molto tempo alla cura della tua barba? Quale è la tua routine quotidiana? Crea degli impedimenti durante la tua quotidianità?

Non avendo i capelli per me la cura della barba è fondamentale, come se fosse una figlia. Ogni mattina la prima cosa che faccio è passare l’olio, in seguito la pettino, la stessa routine la seguo poi la sera prima di mettermi a letto. La lavo quasi tutti i giorni, dipende dalle attività della giornata, la tratto poi con balsamo, maschere per barba e saponi ristrutturanti. A queste dimensioni è inevitabile che crei problemi, ma con il tempo si impara a conviverci e a gestirla nel migliore dei modi, diventa abitudine diciamo.

  • Una domanda classica che pongo a tutti è la seguente, la barba dal tuo punto di vista è uno stile di vita oppure un puro vezzo di stile?

La barba ormai è parte di me stesso, non nego che mi abbia cambiato, mi ha arricchito infatti mi ha portato a cambiare stile, per questo la vedo come un vezzo di stile. Ma a certe lunghezze diventa inevitabilmente anche un elemento rappresentativo della persona, mi distinguo dalle altre persone e anche da coloro che seguono la moda.

  • C’è qualcosa che ti porterebbe a tagliarla?

Dopo quattro anni non penso ci sia nulla che mi porti a tagliarla.

  • Progetti futuri che abbiano a che fare con la barba?

Nessun progetto certo, ho però molti sogni, il mio sogno più grande è quello di frequentare un numero sempre crescente di gare per far conoscere la mia barba a livello mondiale.

  • Un saluto ai nostri lettori:

Dopo aver letto l’intervista vi invito a visitare la mia pagina ufficiale (link sopra) e sui social dove condivido la mia vita. Auguro a tutti di appassionarsi a qualcosa come ci sono riuscito io con la barba. Un saluto a tutti i lettori di Edonix.

Ringraziamo di cuore Patrizio per la grande disponibilità che ci ha offerto, in bocca al lupo per le gare future.  

Alessio Pisano
Studente universitario nella facoltà di ingegneria biomedica. Totalmente in fissa con il mondo delle barche e gommoni, del calcio, della barba e della barberia. Su Edonix mi occupo degli ultimi due.
Web Hosting

da non perdere assolutamente

Balente, hair of Sardinia

Il Balente nella tradizione sarda è un uomo particolarmente saggio, una persona capace e rispettata in tutto...

Il Barba Bazzo, Diego Bazoli

Tra le barbe più in vista del web e dei Social Network, abbiamo avuto l'onore di fare qualche domanda a Diego Bazoli, grande persona...

Prodotti italiani, Mr Echo by Derma Virdis

I prodotti Mr Echo incuriosiscono quando ci si imbatte nei loro profili social o nel sito, vengono presentati molto bene, cura dei dettagli e...

Tra i barbieri più seguiti in Italia, il maestro Marco Artesi

Chiunque sia appassionato di barba e barberia in generale prima o poi, che stia cercando sul web o che stia cercando tramite social network,...

crea il tuo sito con siteground

Web Hosting
Free Download WordPress Themes
Download WordPress Themes
Download Best WordPress Themes Free Download
Download Nulled WordPress Themes
ZG93bmxvYWQgbHluZGEgY291cnNlIGZyZWU=
download coolpad firmware
Free Download WordPress Themes
lynda course free download